Capire La Fotografia: Garry Winogrand, The Animals (1969).

  GARRY WINOGRAND, THE ANIMALS, 1969

GARRY WINOGRAND, THE ANIMALS, 1969

“La fotografia non è l’oggetto fotografato. È come quell’oggetto appare una volta fotografato.”

Questa frase di Garry Winogrand può sembrare addirittura banale, eppure è abbastanza per capire esattamente di cosa è realmente fatta una Fotografia. Quello che vediamo tutti i giorni, la presunta realtà, da una parte, e quello che invece diventa immagine, dall’altra.

Garry Winogrand era abile come pochi, con l’utilizzo di una semplice inquadratura, a cogliere il turbamento e l’incongruità dai soggetti e delle situazioni che aveva intorno.

In questa fotografia niente potrebbe essere più ordinario (una domenica mattina allo zoo); eppure guardandola con attenzione tutto sembra così strambo e fuori dalla norma.

I protagonisti se ne stanno tutti di spalle. Gli unici a cercare un contatto visivo nella fotografia sono gli elefanti con la proboscide appoggiata sul muretto. Gli uomini invece sfilano statici in una surreale parata a coppie. I primi, di fronte agli elefanti entrambi vestiti da un’identità camicia a scacchi, gli altri coperti dal capo fino alle ginocchia da una scatola di cartone. Sembra quasi si stiano nascondendo, ma esattamente da chi o da cosa?

Questa fotografia rientra all’interno di un progetto, The Animals, che il fotografo ha dedicato alle relazioni tra uomini e animali in gabbia. Fotografie che ribaltano completamente il punto di vista su chi stia veramente osservando chi.

L’inclinazione della fotografia, volutamente obliqua e cadente - grazie all’utilizzo dell’ottica grandangolare - riesce a stabilire una connessione misteriosa tra tutti i protagonisti della fotografia, portando l’osservatore a porsi delle domande che vanno ben oltre la scena stessa.

Siamo veramente sicuri che gli esseri umani siano meno strani degli animali dello zoo? E che siano gli elefanti quelli ad essere davvero dentro la recinzione?

Ecco, ora pensateci. 

Valerio Cappabianca     

Valerio Cappabianca